Le biblioteche calabresi: tesori di cultura nascosta!


COSENZA: UN PREZIOSO LIBRO DEL 1400 TORNA RESTAURATO NELLA BIBLIOTECA ‘RODOTA’

Napoli, 2 aprile 2019

Non tutti sanno che, oltre alla grande ricchezza paesaggistica, la Calabria ne ha un’altra altrettanto bella e preziosa, quella che risiede nelle sue biblioteche pubbliche, religiose e/o private che siano; anche se, allo stato attuale, manca una catalogazione di tutti i libri, sia manoscritti sia a stampa. Negli anni ’80 del secolo scorso furono tenuti diversi convegni sui beni culturali della regione, dove emerse la presenza di codici membranacei, pergamene sciolte, antifonari miniati, autografi editi ed inediti, lettere e carteggi, manoscritti cartacei, su argomenti di varia natura, nelle biblioteche calabresi. Certo le biblioteche religiose hanno avuto nel passato tra le altre un ruolo maggiore, per ovvie tradizioni storiche; tuttavia, dopo l’abrogazione degli ordini religiosi (avvenuta nel 1866 per disposizione di un decreto regio, dove il Parlamento del novello regno d’Italia, senza il successivo esame del Senato e in ossequio alla mentalità anticlericale massonica, proclamò appunto la soppressione degli ordini e delle corporazioni religiose), una quantità cospicua dei contenuti conservati in tali siti andò dispersa.

Riporto di seguito l’elenco di alcune biblioteche sparse sul territorio calabrese e ciò che lo studioso ricercatore può trovarvi:

BIBLIOTECHE RELIGIOSE

Biblioteca del Convento dei Minimi di Paola:

oltre 250 pergamene contenenti legati,censi, permute, donazioni, bolle papali, privilegi: una copia della platea dei beni posseduti dal Convento 86 volumi manoscritti del secolo XVII-XVIII

Biblioteca diocesana di Tropea

Vanno segnalati 5 corali artisticamente miniati.

Biblioteca arcivescovile di Crotone

200 volumi cartacei manoscritti

25 pergamene

Biblioteca S. Domenico di Soriano Calabro

Manoscritti cartacei ,, numero non quantificato

Codici 21

Carteggi 100

BIBLIOTECHE PUBBLICHE

Biblioteca Comunale di Catanzaro

Fondo vecchio 51 manoscritti.

Biblioteca Civica di Cosenza

Manoscritti cartacei 500 circa

Carteggi 5

Pergamene 54

Antifonari pergamenacei miniati 23

Raccolte e archivi privati 8

Biblioteca Comunale di Reggio Calabria

Manoscritti cartacei : numero non quantificato

Carteggi 4

Manoscritto musicale 1

Pergamene 47

Da segnalare, in questa Biblioteca, la presenza della Raccolta Corrado Alvaro.

Contenente molti scritti autografi dello scrittore calabrese.

Sistema Bibliotecario Vibonese

Conserva numerose pergamene e manoscritti moderni e contemporanei

BIBLIOTECHE PRIVATE

Biblioteca Capialbi di Vibo Valentia.

E’ questa la più ricca e importante biblioteca privata della Calabria per rarità bibliografiche, per documenti in gran parte inediti, per molte interessanti pergamene e per codici membranacei tra i più rari e pregevoli conservati in Calabria.

Biblioteca Lucifero di Crotone

E’ anche questa una notevole raccolta libraria., comprendente autografi e documenti inediti di notevole interesse per la storia della Calabria.

Biblioteca Greco di Cosenza.

Raccolta manoscritta costituita da 43 pezzi, tra cui: Codice gioachimita apocrifo, dal titolo:”Beati Joachimiin Cantica”;

Codice anepigrafo contenente copie copie di atti privilegi e doazioni dei secoli XII – XV;

Apografo mutilo contenente “ Rime varie” di Pirro Schettini;

Codice contenente il falso seicentesco “ Manuscriptum autographum philosophi praestentissimi Tomae Cornelii de Metempsycosy seu de transmigratione pitagorica”.

Biblioteca Bombini di Cosenza

Raccolta di 13 pezzi manoscritti, tra cui:

Calabrae historia (1540);

Visita pastorale (1645)

Delle rivoluzioni successe nella città di Cosenza ( 1647)

La perdita di Gerusalemme ( poema del 1728).

(Fonte: liberamentetratto da http://www.sbvibonese.vv.it)

Precedente Mafia, Camorra e unità d'Italia Successivo Annali Civili del Regno delle Due Sicilie: testimoni di civiltà e progresso!

Lascia un commento